hotel Giardino - Sirmione

Preghiere a San Giuseppe

san Giuseppe

preghiera di S.Francesco di Sales

Glorioso San Giuseppe,

sposo di Maria,

estendi anche a noi la tua protezione paterna,

tu che sei capace di rendere possibili

le più impossibili delle cose.

Guarda alle nostre presenti necessità,

rivolgi i tuoi occhi di padre

su ciò che preme ai tuoi figli.

Aiutaci

e prendi sotto la tua amorevole protezione

le questioni così importanti

che ti affidiamo,

in modo che il loro esito favorevole

sia per la Gloria di Dio

e per il bene di noi

che affettuosamente ti seguiamo.

 Amen.

A te, o beato Giuseppe

A te, o beato Giuseppe, stretti dalla tribolazione ricorriamo e fiduciosi invochiamo il tuo patrocinio, insieme con quello della tua santissima Sposa.
Deh! Per quel sacro vincolo di carità, che ti strinse all'Immacolata Vergine Madre di Dio, e per l'amore paterno che portasti al fanciullo Gesù, riguarda, te ne preghiamo, con occhio benigno la cara eredità che Gesù Cristo acquistò col suo sangue, e col tuo potere ed aiuto soccorri ai nostri bisogni.
Proteggi, o provvido Custode della divina Famiglia, l'eletta prole di Gesù Cristo; allontana da noi, o Padre amantissimo, la peste di errori e di vizi che ammorba il mondo; assistici propizio dal cielo in questa lotta con il potere delle tenebre, o nostro fortissimo protettore; e come un tempo salvasti dalla morte la minacciata vita del bambino Gesù, così ora difendi la santa Chiesa di Dio dalle ostili insidie e da ogni avversità; e stendi ognora sopra ciascuno di noi il tuo patrocinio, affinché a tuo esempio e mediante il tuo soccorso, possiamo virtuosamente vivere, piamente morire, e conseguire l'eterna beatitudine in cielo.
Amen.

altra PREGHIERA A S. GIUSEPPE

(Indulgenza di tre anni. - Pio XI; 3 Ott. 1936).

"O fortunato san Giuseppe! a cui fu dato non solo di vedere e d'ascoltare quel Dio che molti re vollero vedere e non videro, ascoltare e non ascoltarono, ma di portarlo altresì, baciarlo, vestirlo e custodirlo,

Prega per noi, beato Giuseppe.
Affinché siamo fatti degni delle promesse di Cristo.

PREGHIAMO. O Dio, che ci donasti un sacerdozio regale, fa che, come il beato Giuseppe meritò di trattare con riverenza e di portare con le sue mani il tuo unigenito Figliolo nato dalla Vergine Maria, così, faccia che noi serviamo ai tuoi altari con cuore mondo e opere sante, onde oggi riceviamo degnamente il sacro santo corpo e sangue del tuo Figliolo e meritiamo d'avere nel secolo avvenire il premio eterno. Per il medesimo Cristo Signore nostro. Così sia."

 

altra PREGHIERA A S. GIUSEPPE

(Indulgenza di tre anni; plenaria se recitata ogni giorno per Un mese, alle solite condizioni. - Pio XI; 4 Dic. 1932).

"O custode e padre dei vergini, San Giuseppe, alla cui fedele custodia fu affidata la stessa Innocenza Cristo Gesù e la Vergine delle vergini Maria; per questo duplice carissimo pegno, Gesù e Maria, ti prego e scongiuro che, preservatomi da ogni immondezza, con anima incontaminata, con cuore puro e con casto corpo, mi faccia servire sempre castissimamente a Gesù e Maria. Così sia."


per ottenere una buona morte

O gloriosissimo Patriarca S. Giuseppe protettore amorosissimo de' moribondi e mio speciale avvocato, per la fedeltà, per l'amore con cui serviste in tutto il tempo di vostra vita come sposo di Maria, come padre a Gesù, per i dolori che voi soffriste con santa rassegnazione, per le allegrezze che riceveste con santa umiltà da quel Dio che ora niente sa negare alle vostre domande, come sempre, vi fu ubbidiente qui sulla terra, impetratemi vi prego, una plenaria remissione di tutte le passate mancanze e una volontà sempre pronta a meglio servirlo in avvenire, affinché vivendo sempre come voi nella giustizia e nella santità, possa come voi meritare d'essere in morte assistito da Gesù e da Maria che in questo mondo vi fecero provare anticipati i gaudi del paradiso.

Vegliate sopra di me in tutto il corso della mia vita come vegliaste sopra Gesù, quando tenero bambino era affidato alla vostra cura.

Difendetemi da ogni assalto nemico, e non permettete mai che la morte mi colga in un punto in cui mi sia demeritata con una condotta meno cristiana la vostra efficacissima protezione.

Per visualizzare questo contenuto devi accettare di utilizzare i cookie.

seguici: Blog Facebook

sostienici

f Condividi

Per condividere su Facebook questa pagina puoi copiarne l'indirizzo dalla barra degli indirizzi (la trovi in alto) e incollarlo sulla tua pagina facebook. In questo modo evitiamo di installare cookies sul tuo dispositivo, venendo incontro alle disposizioni legislative di recente introdotte.


Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons:
Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia
.

Gruppo Cultura nuova:
cultura nuova - cultura cristiana - filosofico.org - cara Belta' - eTexts - mydigitalia - mondo oggi

valid XHTML | valid CSS | cookies | privacy

Per visualizzare questo contenuto devi accettare di utilizzare i cookie.