Tommaso apostolo (bassorilievo)

Santi

chi è il santo

Come scrisse don Giussani «il santo non è un superuomo, il santo è un uomo vero. Il santo è un vero uomo perché aderisce a Dio e quindi all'ideale per cui è stato costruito il suo cuore, e di cui è costituito il suo destino» (prefazione a Santi, di C.Martindale).

Perciò il santo non è uno che non sbaglia mai (tutti i santi hanno avuto i loro difetti), chi riesce sempre ad essere coerente (questa è una pretesa farisaica), ma uno che accetta di essere continuamente perdonato e ricreato dalla Misericordia di un Altro:

Infatti, osserva Giussani, «l'essere peccatore è la modalità esistenziale con cui più si documenta il limite ontologico che è nella nostra stessa libertà. (...) Ed una condizione originale misteriosa rende così attuale tale possibilità, che sorprendente diventa il non aver sbagliato, più che l'aver sbagliato. Scriverà san Francesco di Sales: “Che meraviglia è se la debolezza è debole?”.»

San Giuseppe

San Giuseppe : un Santo vissuto per così dire nell'ombra o da qualche decennio dimenticato, ma anche il suo sì ha contribuito alla realizzazione dell'economia salvifica.

santi medioevali

santi moderni

santi dei nostri giorni

seguici: Facebook Blogger

w3c XHTML | w3c CSS | cookies | privacy.

1 / 2monastero
compra birra o liquori al
monastero della
Cascinazza

2 / 2
aiuta AVSI
AVSI
AVSI aiuta chi è in difficoltà
in tutto il mondo